Info@sanicloud.com
0424-583600
  • SANIcloud
  • Nessun commento

L ‘O3 e l’industria del vino.

L’ozono è utilizzato per sostanze sbiancanti e per uccidere i microrganismi nelle fonti di aria e acqua, motivo per cui viene utilizzato nelle cantine. Viene creato sul posto e quindi inserito in una soluzione realizzata con acqua fredda. Ciò rende molto più conveniente rispetto ai risciacqui con acqua calda, riducendo i costi di riscaldamento e riducendo i tempi di riscaldamento e raffreddamento dell’acqua. Può quindi essere applicato alle apparecchiature in cantina tramite un meccanismo CIP (Clean in Place) o tramite carrelli di lavaggio mobili come il modello SC8005M che eroga acqua  ozonizzata in continuo ed ozono in aria con timer o manualmente. È più comune per le aziende vinicole utilizzare carrelli di lavaggio mobili, in quanto consentono di raggiungere una maggiore varietà di superfici. La soluzione contenente ozono viene quindi applicata all’apparecchiatura come lavaggio a spruzzo. Dopo aver contattato l’attrezzatura della cantina, la soluzione è in grado di igienizzare le superfici con cui viene a contatto. La soluzione ha dimostrato di essere efficace contro i seguenti tipi di microrganismi: funghi (lieviti, muffe e spore), protozoi, biofilm, batteri e virus. Con i microbi il trattamento con ozono è particolarmente efficace contro Acetobacter e le specie Brettanomycesspecies del lievito.

I trattamenti con l’ozono sono diventati sempre più popolari, avendo dimostrato di essere una scelta logica per la sanificazione nelle cantine a causa di una serie di fattori. Con i composti generati sul posto, i problemi di trasporto e movimentazione sono ridotti al minimo. È stato dimostrato che riduce  i costi, legati alle sostanze chimiche e l’usura delle apparecchiature. Negli ultimi venti anni, i trattamenti con ozono sono stati utilizzati con risultati positivi, in parte dovuti al fatto che è considerato un disinfettante naturale.

Sanificazione delle botti

Molte cantine hanno implementato l’ozono come parte delle loro pratiche di lavaggio a botte. La procedura standard per il lavaggio varia da cantina a cantina, ma in genere include un risciacquo con acqua calda ad alta pressione, seguito da un trattamento con acqua ozonizzata.

La concentrazione di ozono applicata, così come il tempo di reazione di contatto  dipende dalla quantità e dalla natura del contaminante. Quantità maggiori di microbi in botti contaminate richiede trattamenti più lunghi, ma possono essere richieste dosi più piccole per manipolare materiali sensibili. Tipicamente, una concentrazione di ozono di 2,5 ppm per due minuti su barili sani, dopo un lavaggio con acqua calda, è sufficiente. Se è gravemente contaminata, potrebbe essere necessario un trattamento di cinque minuti.

 

 

 

 

 

 

 

 

Vantaggi dell’utilizzo di ozono

L’ozono offre una maggiore qualità di sanificazione, tempo e risparmi energetici.
Riduzione dell’uso di sostanze chimiche mediante l’utilizzo di gas naturale dell’ozono, prodotto in modo sicuro.
Economico attraverso un’integrazione sofisticata ma facile da usare.
L’ozono uccide i microbi fino a 5000 volte più velocemente degli ossidanti più deboli come il cloro, ma si decompone naturalmente in ossigeno a differenza degli agenti più duri con sottoprodotti di disinfezione dannosi.

La più grande minaccia per la vinificazione è la contaminazione durante il lungo processo di produzione, dal raccolto al serbatoio, fino all’imbottigliamento finale. Clean-in-Place (CIP) che prevede la pulizia e l’igienizzazione di sistemi di pompe, tubi, serbatoi, tubi flessibili, filtri e linee di imbottigliamento.

L’utilizzo di ozono nel processo CIP consente di risparmiare tempo e costi. L’acqua ozonizzata  viene fatta circolare attraverso i sistemi di tubazioni e reagisce con materiale organico.

Senza ozono, i servizi igienici CIP devono essere eseguiti in due modi. Il primo è utilizzando sostanze chimiche, in genere soluzioni di cloro o iodio, che richiedono più risciacqui in seguito per rimuovere i residui nocivi. L’altra opzione consiste nell’utilizzare il calore, in genere acqua ad alta temperatura o vapore, che è molto costoso da produrre e crea un pericolo per i dipendenti delle cantine. Al contrario, l’ozono raggiunge i servizi igienici CIP a basso costo, a temperature ambiente della cantina e senza residui chimici aggressivi. Inoltre, l’acqua calda o il vapore provocano l’espansione e la contrazione delle saldature, una delle principali cause di degrado e riparazione della linea. Il calore può anche cuocere i materiali all’interno delle linee, rendendoli più difficili da pulire. Poiché l’ozono viene utilizzato in acqua fredda, evita questi e altri problemi causati dal risanamento CIP a base di calore.

 

L’irrigazione nei vigneti con acqua ozonizzata

L’azione germicida diretta dell’ozono è ben nota contro tutti i tipi di microrganismi, come funghi, batteri e virus. L’ozono combatte contro batteri come pseudomonas, flavobacterium, streptococco, legionella, ecc. L’ozono è particolarmente efficace contro funghi e batteri, che sono la principale causa di degrado delle viti. L’ozono è molto efficace contro questi microrganismi, che sono in grado di propagarsi e riprodursi in condizioni difficili ed estreme.

L’ozono ha una capacità di ossidazione molto potente e forte e quindi distrugge i rifiuti organici ossidandoli. È anche molto rispettoso dell’ambiente, in quanto non lascia residui nocivi e ritorna all’ossigeno a differenza di pesticidi, fertilizzanti e additivi usati nelle colture. L’uso di acqua ozonizzata per l’irrigazione assicura che le piante crescano più vigorosamente e siano più sane, libere da qualsiasi tipo di malattia contagiosa.

Author: SANIcloud
sanicloud

Lascia un commento