SANIcloud soluzioni specifiche per birrifici.

La produzione della birra è un processo complesso e delicato, dove i rischi di inquinamento possono rappresentare delle problematiche organolettiche ed essere fonte di inquinamento microbiologico, che possono pregiudicare la shelf life del prodotto e compromettere le caratteristiche organolettiche della birra stessa.

I trattamenti con ozono possono inserirsi in diverse fasi produttive ed anche nel trattamento delle materie prime o dei luoghi dove le stesse vengono stoccate.

– trattamento acqua: permette l’abbattimento della flora microbica, dei metalli pesanti (fonte di ossidazione delle birre bionde), degli odori, permettendo di ottenere una materia prima pura e di elevata qualità.

– trattamento acqua di processo: igienizzare con acqua ozonizzante consente di ridurre i costi relativi ai sanificanti, all’energia ed ai tempi di sanificazione, limitando in maniera significativa la presenza di composti chimici nelle acque reflue, a vantaggio della sostenibilità ambientale.

– trattamento celle frigorifere: un ambiente perfettamente sanificato per la migliore conservazione possibile, al riparo da microrganismi e muffe, che possono inquinare le materie prime causandone un decadimento qualitativo precoce.

– trattamento degli ambienti di lavoro e dei magazzini (es magazzino malto): per operare in ambienti sani, privi di odori e di muffe sulle pareti, sinonimo di scarsa igiene nel processo produttivo.

– trattamento acque reflue: scaricare nell’ambiente acque prive di agenti inquinanti e con un corretto indice COD e BOD è un requisito legislativo fondamentale; l’utilizzo di ozono in questa fase permette di riequilibrare questi parametri prima dello scarico dei reflui.

OZONO GASSONO,  ACQUA OZONIZZATA,

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *